2000px-bristol-myers_squibb_logo

Il microsito è sostenuto da Bristol Myers Squibb.

Punti salienti

Articolo professionale
Visualizza Post

In negativo: gola e fegato

In termini di tollerabilità, ozanimod si confronta bene con altri modulatori del recettore della sfingosina-1-fosfato [1–3]*. Negli studi pivotali, i tassi di abbandono a causa degli effetti collaterali sono stati di circa il 3%, con tassi comparabili nei diversi gruppi di trattamento. Le reazioni avverse al farmaco più frequentemente osservate durante la terapia con ozanimod sono state nasofaringite, infezioni del tratto respiratorio superiore, infezioni del tratto urinario, livelli elevati di alanina aminotransferasi e γGT, ipertensione e cefalea…. Questo contenuto è accessibile solo agli utenti registrati. Log-In Registrati
Visualizza Post

La selettività come caratteristica distintiva

Come ogni forma di intervento sul sistema immunitario umano, la terapia con Ozanimod comporta alcuni rischi. In particolare, le infezioni e gli effetti cardiaci negativi sono effetti collaterali noti del trattamento con i modulatori del recettore S1P. Tuttavia, gli studi pivotal di ozanimod, così come ulteriori dati successivi al loro completamento, indicano un profilo di sicurezza relativamente favorevole [1–3]…. Questo contenuto è accessibile solo agli utenti registrati. Log-In Registrati
Visualizza Post

Livelli multipli di efficacia

I due studi di fase III SUNBEAM [1] e RADIANCE [2], già conclusi, sono stati in grado di dimostrare l’efficacia del nuovo principio attivo non solo nella riduzione della frequenza delle ricadute attraverso la terapia con ozanimod, ma anche nell’ambito di altri endpoint – radiologici e clinici. Per la prima volta nella ricerca sulla SM, è stato osservato un rallentamento del declino del volume cerebrale nella materia grigia corticale e nel talamo…. Questo contenuto è accessibile solo agli utenti registrati. Log-In Registrati
Visualizza Post

Un nuovo giocatore nella terapia della SM

Con l’approvazione recente di ozanimod, un altro potente composto per il trattamento degli adulti con sclerosi multipla recidivante-remittente (RRMS) sta entrando nel mercato svizzero. Il modulatore orale del recettore della sfingosina-1-fosfato (S1P) ha mostrato una buona efficacia e un profilo di sicurezza paragonabile all’interferone β1a in due studi multicentrici randomizzati di fase 3 con un totale di oltre 2600 partecipanti [1,2]. Un ampio studio di follow-up, in cui è stato possibile includere quasi l’85% dei pazienti, continua a fornire risultati coerenti [3]…. Questo contenuto è accessibile solo agli utenti registrati. Log-In Registrati
Visualizza Post

Un nuovo giocatore nella terapia della SM

Con l’approvazione recente di ozanimod, un altro composto altamente potente per il trattamento degli adulti con sclerosi multipla recidivante-remittente (SMRR) sta entrando nel mercato svizzero. Il modulatore orale del recettore della sfingosina-1-fosfato (S1P) ha dimostrato un’elevata efficacia e un profilo di sicurezza paragonabile all’interferone β1a in due studi multicentrici randomizzati di fase 3, con un totale di oltre 2600 partecipanti. Un ampio studio di follow-up, che ha incluso quasi l’85% dei pazienti, continua a dare risultati promettenti…. Questo contenuto è accessibile solo agli utenti registrati. Log-In Registrati